NON ESISTONO I PIGRI, TU NON LO SEI!

Qualche giorno fa, alla fine di una presentazione, parlavo con il genitore di un ragazzo che era presente e che desiderava partecipare al corso.

Il padre di questo ragazzo mi dice “speriamo bene che questo corso lo aiuti, sai, lui è davvero molto pigro”.

Non so più quanti genitori ho sentito parlare in questo modo dei propri figli, anche moltissimi ragazzi si definiscono nello stesso modo.

Non hanno molta voglia di studiare, anche se poi alcuni studiano lo stesso e altri no.

I ragazzi che studiano lo stesso lo fanno per senso del dovere o perché ci tengono ad avere risultati e a volte non li ottengono lo stesso o sono costretti a dedicare molto tempo o a convivere con ansia e stress. Quelli che non ci si mettono proprio invece arrivano a momenti, la mattina prima di un’interrogazione o prima della pagella, in cui hanno paura di ciò che succederà, del giudizio dei genitori, di fare l’ennesima figuraccia di fronte agli altri. Si chiedono perché sono stati così stupidi da non studiare quando avrebbero dovuto. Si sentono pigri, svogliati, in colpa e stupidi per essere arrivati a quel punto. Appaiono menefreghisti agli occhi degli altri ma in realtà stanno sperimentando un enorme stress, paura e impotenza.

Questo è difficile da far capire a chi gli sta intorno.

Ma oggi voglio dirti cosa ho risposto a quel padre e svelarti un segreto.

Lo guardato e gli ho detto “Mi dispiace ma tuo figlio non è pigro!” e prima che potesse rispondere gli ho detto “Ti spiego meglio cosa intendo”.

NESSUNO È PIGRO!

Non è una caratteristica scritta nel DNA di nessuno! Mi dispiace.

Il ragazzo in questione, con così poca voglia di studiare, è lo stesso che gioca e si impegna per ore davanti alla Play Station, lo stesso che il sabato gioca tre partite di calcetto consecutive coi suoi amici senza mollare un pallone, lo stesso che il giorno della gita scolastica è sveglio un’ora prima del necessario.

Non è pigro in assoluto!

La verità è che non ha voglia di studiare. Punto.

Ma perché studiare no e il calcetto sì?

Ecco il segreto:

“Abbiamo voglia di fare le cose che ci vengono bene e facilmente”

Facciamo un esempio in modo che sia chiaro.

Immagina di essere un appassionato di tennis. Non hai mai giocato in vita tua ma ti piace moltissimo guardarlo in televisione, sei un super esperto, conosci i giocatori e le loro storie e ami guardarli. Un giorno, seduto sul tuo divano durante un match decidi che vuoi giocare anche tu. Quindi compri la racchetta, l’abbigliamento, le palline e chiami un maestro per insegnarti.

Fissi ogni mattina con lui per giocare un’ora prima di andare a scuola, all’università o al lavoro.

Il primo giorno ti presenti in campo e dopo un po’ di riscaldamento e una breve spiegazione su come si tiene la racchetta si inizia. Il maestro ti tira lentamente la pallina e tu devi rispedirla indietro.

Ora, so che è difficile da credere, ma pensa di non riuscire a colpire la palla. Sei poco coordinato di natura (magari non è il tuo caso ma immagina sia così) e non centri una palla neanche a pagarla per tutta la prima ora.

Il giorno dopo ti ripresenti ed è uguale, il successivo anche e così via. Sempre.

Dopo un mese non hai fatto nessun miglioramento.

Hai passato trenta mattine, svegliandoti un’ora prima del solito per poter giocare e non hai colpito una palla. Pensaci… La trentunesima mattina ti sveglieresti ancora motivato ad andare a giocare?

Non credo proprio.

Probabilmente non avresti voglia, ti sentiresti stanco, penseresti che anche se salti una mattina e riprovi il giorno seguente non muore nessuno…

Perché nonostante ti piaccia l’idea di saper giocare, nessuno ha voglia di fare ciò che non gli riesce o che non sa fare!

L’esempio è calzante per lo studio!

Nessuno ci ha insegnato a studiare davvero, pochissimi riescono a colpire la pallina con facilità perché il metodo che usano non funziona facilmente!

Cosa ti dicono a scuola?

Leggi e ripeti (ad alta voce o mentalmente) o leggi e riscrivi oppure leggi più volte, insomma il concetto è: riguarda mille volte un’informazione finché non ti entra in testa.

C’è qualcosa di più noioso?

Anche un film che ti piace (non dico il tuo film preferito, parlo di un film carino) se lo guardi ininterrottamente una volta dopo l’altra diventa pesante.

Entri in un cinema, guardi il film e quando dovresti uscire ti trattengono all’interno e riproiettano la stessa pellicola, una, due, tre, infinite volte.

Quanto ci metteresti a non aver più voglia di vederla?

Ho conosciuto migliaia di persone “pigre” o “senza voglia di studiare” e tutte loro hanno scoperto con il corso che il problema non erano loro! Era il metodo!

Studenti che non amavano certe materie o certi temi, professionisti senza voglia di imparare una lingua straniera o un testo di aggiornamento per il lavoro.

Persone frustrate che iniziano a pensare di essere stupide, pigre, vecchie, e mille altre cose assurde.

Arrivati al corso hanno compreso come colpire la pallina con facilità.

Hanno imparato a memorizzare senza ripetere, a fare schemi facili da ricordare e che favorissero la logica, a leggere più rapidamente e senza distrarsi in continuazione. Insomma, hanno capito che apprendere poteva essere facile.

E improvvisamente quando hanno iniziato a ottenere risultati più facilmente e velocemente hanno avuto VOGLIA e hanno SMESSO DI SENTIRSI PIGRI!

Accetta un consiglio: in qualunque attività devi o vuoi svolgere trova un mentore, trova chi ti può insegnare come svolgere quell’attività facilmente e bene. Solo questo può permetterti di avere davvero voglia di svolgerla.

Puoi vivere tutta la vita non facendo quello che dovresti.

Puoi vivere tutta la vita svolgendo le tue attività per senso del dovere o spendendo tutto il tuo tempo o provando ansia e stress.

Puoi.

Ma non è così che dovresti e potresti vivere.

Migliaia di persone hanno già fatto una scelta diversa sull’apprendimento.

È ora di smettere di sentirsi:

In imbarazzo perché non sei preparato o non sei sicuro di ciò che sai.

Stupido o lento davanti ai propri occhi e agli occhi degli altri.

Incompetente o debole

Rifiutato, criticato e giudicato

È ora di ottenere i risultati che vuoi e che meriti adesso. CLICCA QUI